"E' un privilegio preparare la stanza in cui dormirà qualcun altro"
E. Jolley
"Villa Lopez" è un Bed & Breakfast che offre ai suoi ospiti calda accoglienza, intimità, relax, eleganza e cura in ogni particolare.
Il suo blog nasce per raccontare le piccole straordinarie storie di amicizia nate tra una torta di mele ed una chiacchierata in giardino all'ombra "du' Chiozzu", il vecchio gelso che stende i suoi ombrosi rami, paterno e protettivo, e la cui maestosa mole parla di secoli di vita e sembra quasi raccontarti di tutti i monelli che ogni primavera davano la scalata ai suoi rami per "rubare" le sue more.
Tra le pagine di questo blog troverete i pensieri, a volte vere poesie, lasciati dai miei ospiti, veri protagonisti della vita di questo bed&breakfast; troverete pagine scritte proprio da alcuni di loro; troverete, a volte, riflessioni e considerazioni sui problemi di quest'angolo di Calabria e sul turismo; troverete leggende e racconti nati dalla fantasia popolare e tramandati nei secoli; poesie e brani di autori calabresi, spesso sconosciuti.
Il mio invito, a tutti i visitatori di questo blog, a lasciare i propri pensieri e commenti dando così vita e seguito a tante altre bellissime storie di simpatia ed amicizia.


Accomodatevi, prego, se desiderate visitare il mio bed & breakfast

martedì 3 giugno 2008

"Vorrìa"

Questa è una poesia scritta da un cittanovese emigrato in Svizzera.
Lasciò la sua casa e la sua terra, la sua piccola vigna ed i suoi affetti, ancora ragazzo ed in questi versi canta i suoi ricordi ed il suo dolore, dopo anni e anni ancora così vivo, per aver lasciato la propria terra; canta la propria amarezza nel capire che il benessere trovato in un altra terra, lontano dalle sue radici, non l'ha compensato per tutto quello che ha lasciato quì: "ero ricco e non lo sapevo" !

" Vorrìa mu 'ndaju l'ali pemmu volu, supa lu tettu di la casa mia
e poi mu trasu di lu fumaloru, comu li maghi di la fantasia.

Mu tornu jeu vorrìa cotraredu e pemmu vaju natra vota 'a scola
cu pinna calamaru e codernedu mu 'paru ancora megghju la palora

Mi piaciaria mu jocu a campanaru 'ntra chida chiazza china di cotrari
e' mu sentu gridari 'u coddararu: "Coddari belli! Pentuli! Cortari!"

Vola penzeredu, vola vola undi ancora volanu 'i linduni
supa a casi, rovini, e fannu spola nidìandu 'ntra li corniciuni.

Vorrìa mu tornu ancora 'a la Cabeda comu 'a la gita dì la classi dì la scola
quandu pe' na bionda cumpagneda 'ntra 'na timpa cogghjia la prima viola.

Supa la chioma d'oru 'ncì la posai. E m'arridìu la bella 'ntimiduta,
cù chidi occhji di celu, belli assai e fù l'ura 'cchiù bella di la vita.

Comu vorrìa mu passu i' chida strata e mu la viju arretu i' chidu velu
chi mì guardava timida 'npacciata e bella comu n'angialu du' cielu.

Vorrìa tantu mu' tornu a'chida vigna; abbandunata comu nà costera
d'arburi servaggi e di gramigna, e mu' la fazzu bella comu era

quandu campava patrima e vorrìa pemmu lu' viju ancora affàccendatu
chi' tagghja e liga cimi, e mamma mia chi' canta nu' sturnellu 'appassiunatu.

Vorrìa mu tornu ancora a Plenura 'ntra chidu paradisu di' cerdinu
mu' cogghju la recina stramatura chi' 'ntra la vucca spruculija vinu.

Milli e 'ducentu litri, 'ntra lì gutti di Barbatanu, e quandu a' San Martinu
mentìa la frasca supa a' lu portuni 'ntra 'nna jornata li vindija tutti.

Vorrìa mu' tornu dà! Undi dassai la casiceda mia e m'a' fujia
mu' cercu chidu chi' poi non trovai mentri era riccu e 'no lu sapìa.

Quandu chida matina chi' partìa lu celu era nigru e senza stidi
e 'u cori meu tremandu mi dicìa: "pensa a' la mamma, fighjiu, pensa a' ida"!

Nu jornu poi calau la' hjiumara scippandu viti, arburi, arangari
dassandu sulu petri e rina amara pe' st'occhji vecchi e stanchi pe' guardari.

Chista esti la vita, chista pe' penzari e chistu esti quantu jeu mi meritai.
E comu potarìa mo' cantari cu' stù cori chi no' scorda mai?"


Pietro A. Muratori

3 commenti:

Renata ha detto...

STU-PEN-DA. Bella come sanno essere le poesie degli emigranti che si rivolgono alla loro terra, nel loro dialetto locale.

Sono riuscita a tradurla con relativa facilità perchè i sentimenti trapelano imperiosi.

A Pietro A.Muratori il plauso.

A chi l'ha riproposta un abbraccio riconoscente.

zahxara ha detto...

A te, Renata, la mia riconoscenza!
Io non ho alcun merito; ho solo trascritto la voce di un cuore.
Grazie a te e a presto.
Un besito.

Anonimo ha detto...

per laprezzamento grato ringrazio, alla Signora Lopez e alla traduttrice.
Pietro A. Muratori (Zurigo)
http://www.pietromuratori.com